Il cratere

  Lentamente scivolo nel cratere della mia disillusione. A nulla servirà l’eco dei tuoi amati rimproveri. La cenere dei miei sogni infranti ha soffocato per sempre il mio Essere. Annunci

Quattro stagioni

Nell’estate del mio inverno ripenso all’inverno delle mie estati e a quanto l’autunno sia stato necessario per prepararmi al ghiaccio della neve e al tormento della calura. Senza la primavera, non avrei potuto capire che, alla fine, anche l’inverno finisce.

Ma tu dove sei?

  Sono in un mondo tutto mio dove la realtà ha contorni infiniti e le cose non hanno più senso, perché non serve dar loro un significato. Resto in attesa dello scorrere del tempo, fluttuando nell’immensità del cosmo. Presente con la mia assenza, non cerco più nulla e non voglio più niente; solo vedere la … More Ma tu dove sei?

Mal-d(‘)estro!

Maldestro e distratto rovescio la tazza, il cucchiaio cade, rimbalzando sul pavimento regala un’insolita sonorità. Caffè sparso misto a miele, osservo la macchia dagli strani contorni. Un quadro si compone in un battito d’ali. D’un tratto, una tazza smarrita di caffè scomposto sulle piastrelle. Resta un vuoto che ha saputo colmare uno spazio curioso della … More Mal-d(‘)estro!

Paul(vere)

Sono un pulviscolo di polvere che vaga tra l’immensità del creato. Sospinto dal vento non ho direzione alcuna, in balìa dell’incertezza visito ogni giorno spazi diversi. Delle novità faccio la mia meta perché non ho potere su dove mi poserò. Scivolo, rotolo e saltello una danza che in molti non sanno comprendere. Da sempre mi … More Paul(vere)

Il muro

Sono quel muro a cui passi accanto ogni mattina senza fermarti. Sono quell’angolo di parete a cui hai appeso distrattamente un annuncio imbrattando la mia serenità. Sono calcestruzzo senza rivestimento perché non c’era più tempo o forse più voglia per completare l’opera. Sono mattone rosso fuoco che appare sangue rovente fin dalle prime luci del … More Il muro

Il castello

Sono quel castello isolato dal mondo, mi difendo ogni giorno dalla nebbia di secolari sconfitte. Storie di fantasmi confondono giovani menti in cerca di avventure ma io, solitario ed altezzoso, sdegno le tracce del mio stesso passato. Scudi, elmi e lance più non mi appartengono. Sono il castello dove la solitudine del silenzio ha cosparso … More Il castello

Il ragno

Sono quel ragno immobile da ore in quell’anonima stanza di polveri e ricordi. Appeso ad un filo in bilico al centro dell’abisso, resto a sfidarti. Chissà quando ti accorgerai di me… Non ho fretta perché non ho più un progetto. Ho smesso di tessere, non voglio più catturare perché non posso nutrirmi di sogni altrui. … More Il ragno

La clessidra

  All’interno di una clessidra lascio che la sabbia soffochi la mia vitalità. Tra la polvere del tempo osservo la vita scivolarmi accanto.