Raggi

Raggi di insolite promesse sfiorano oceani di dubbi mentre onde di inaspettati desideri invadono spiagge di offuscati ricordi. Uno squarcio nel cielo di molteplici opportunità. Solo giaccio tra sentieri di luce. Annunci

Attimi

Fermare il Tempo nello scorrere di un pensiero, nell’immagine di un gioco masticato tra la quiete di antiche ombre. Scrutare il Tempo nel lancio di scolorati dadi, consumati dall’aridità di un campo di cemento. Scorrere il Tempo tra il rumore di biglie nelle mani, mentre il vento spazza le conquiste per lasciare che il vuoto … More Attimi

Polveri

Tra la polvere di cunicoli inattesi, inaspettati ricordi ricoprono silenti metamorfosi di lutto. Pulviscoli di memorie precipitano in coni di inafferrabili dimensioni. Nel mezzo di una folata di pensieri, ritrovo particelle di me tra frammentate e logore nuove identità.

Paris

Una scala senza gradini di una chiesa senza luce inciampo tra le curve di un improbabile sogno. Riflessi di ombre tra schiamazzi di folle, nell’abisso della vetta lancio sguardi di paura tra temerari pensieri. Venti dal passato annebbiano le memorie, tutto intorno a me un presente che rigoglioso mi invade.

Tra-tti

Torri tra le colline nascoste all’oblío di una storia che brucia le sue ferite al sole di un’estate che invade ogni confine. Tetti tra i boschi sbucano dalla memoria, sbirciano scie di emozioni spazzate dal vento di una realtà che voglio dimenticare.

Partita

Chi perde lascia il campo. Raccolgo sentimenti feriti di insensati ricordi. Scavalco un vuoto di macerie tra sussurri di menzogna. Chi vince resta in campo. Colleziona lucide medaglie di divertenti follie. Riempie il suo abisso con frammenti di cuore altrui tra urla di falsate Verità.

Raggi

  Raggi di vuoto tra colline di spine soffoco tra le dune. La sabbia ricopre ogni silenzio, nel cielo gabbiani storditi dal vento mordono nuvole colorate di temporale.  

Il mare

Nella mente vuota suoni di gabbiani, ventagli di ali tra intrecci di sabbia celano il sapore amore delle onde. Nel mare lontano, impressioni di abitudini lasciano nell’eco del vento impronte di ciò che non può rivelarsi. Nei solchi del passato formine di nuove opportunità.  

Lasciatemi

Lasciatemi vagare tra le pieghe del Tempo, in martoriati luoghi di ipotetici presenti. Lasciatemi pulsare tra i contorni di un istante, in deteriorati cimeli di offuscate opportunità. Lasciatemi giacere tra gli abissi della polvere, in inutili giacinti di dimenticate austerità. Lasciate che sospiri e sussurri cullino il mio sonno.

Liberi pensieri

I pensieri che mi porto dentro stracciano il mio sorriso, sepolti e privati di una via d’uscita, marciscono esalando inadempiute contraddizioni. I pensieri appiccicati dentro strozzano, con amarezza, la vitalità di ciò che un tempo era invidiata conquista. I pensieri morti nel cuore, fioriscono di ritrovata luce quando accetto che la vita li porti via.